articoli in carrello: (0)
Totale: 0 € 0 €

La chiave del successo? Pause di camminata!

La chiave del successo? Pause di camminata!

Lo sapevate che le pause di camminata migliorano le prestazioni nella corsa?...

Lo sapevate che le pause di camminata migliorano le prestazioni nella corsa?


Sembra incredibile, ma è proprio così. Il cosiddetto metodo run-walk-run, che alterna alla corsa tratti di camminata, aiuta a migliorare le proprie performance. E c'è una notizia ancora più bella: con questo metodo siete VOI a decidere quanto correre e quanto camminare. Se usate ogni giorno un rapporto corsa/camminata adatto a voi, arriverete a gestire la fatica e rimarrete forti fino al traguardo.


Perché?

Semplicemente perché le pause di camminata...

  • vi permettono di andare più veloci: una media di 7 minuti in meno in una corsa di 21 chilometri quando un corridore non-stop passa alla giusta proporzione di corsa e camminata e più di 13 minuti guadagnati nella maratona
  • danno il controllo sulle proprie sensazioni durante e dopo la corsa
  • annullano la fatica
  • fanno aumentare la soglia di fatica e dolore
  • permettono l'accumulo di endorfine
  • frazionano la distanza in unità affrontabili
  • aumentano la velocità di recupero
  • riducono il rischio di dolori, malessere e infortuni
  • aiutano a sentirsi bene dopo l'esercizio, permettendo di continuare le attività quotidiane senza spossamento
  • garantiscono l'aumento della resistenza e il rafforzamento tipici della corsa, ma senza i dolori a essa connessi
  • permettono ai corridori senior e a quelli in sovrappeso di recuperare velocemente
  • attivano il lobo frontale.

Come?

Cominciate col personalizzare in base alle vostre esigenze le strategie di Jeff Galloway, l'autore de Il metodo run-walk-run, che spiega:

Dopo aver ascoltato le opinioni di oltre 300000 corridori che si sono serviti di pause di camminata su diversi ritmi, ho calcolato le seguenti proporzioni, che io consiglio di adottare, ma che possono essere ritoccate dai singoli corridori a seconda delle esigenze. Ad esempio, una proporzione 3-1 (minuti) è consigliata per un ritmo pari a 10 minuti/miglio.

Le opzioni sono:

Correre 3 minuti/camminare 1 minuto

O correre 90 secondi/camminare 30 secondi

O correre 60 secondi/camminare 20 secondi

Nota: una camminata di 60 secondi risulta essere la pausa efficace più lunga. L'osservazione di migliaia di corridori, che si sono serviti di variazioni tra i 20 e i 60 secondi, dimostra generalmente che la maggior parte degli atleti gode di un recupero uguale sia che la pausa di camminata duri 20-30 secondi, sia che duri di più. Quindi, accorciando sia il segmento di corsa che la pausa di camminata, si registra spesso un minore affaticamento alla fine della corsa.

Quando?

Non aspettate! Prendete in mano la situazione e trovate subito la strategia run-walk-run fatta su misura per voi!

Cliccate qui per acquistare il libro!

Cliccate qui per un'anteprima del libro!

Ultime dal blog

Articoli di approfondimento ispirati dalle nostre pubblicazioni. Leggi tutti gli articoli >>
Esercizi per l'allenamento funzionale: il Lunge & Press

Esercizi per l'allenamento funzionale: il Lunge & Press

Corretta esecuzione e muscoli coinvolti

Approfondimenti sul Basket: tiro e ricezione

Approfondimenti sul Basket: tiro e ricezione

Il tiro dopo la ricezione dal lato della mano debole

Leg curl: esercizi per gambe, addominali e glutei

Leg curl: esercizi per gambe, addominali e glutei

Esercizi mirati per la loro costruzione e tonificazione