(0)
articoli in carrello: (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 € 0 € 0 articoli nel tuo carrello

Libri Allenamento in palestra: il Core Control

Libri Allenamento in palestra: il Core Control

Chissà quante volte avete sentito parlare di Core Control, Power House, attivazio­ne della cintura addominale, attivazione del pavimento pelvico, stabilizzazione lombo pelvica e così via. Approfondiamo insieme l’argomento con questo articolo tratto dal libro Revoring:

  • Cos’è il Core?;
  • Cos’è il Core Control?;
  • Revoring attiva il Core in modo continuo e duraturo.

Cos’è il Core?

Per Core si in­tendono i muscoli che si trovano intorno alla colonna vertebrale e al bacino, chia­mati muscoli di sostegno, i muscoli del pavimento pelvico e quelli del tronco. 

Tutti i movimenti sono eseguiti in modo controllato e lento, così da ridurre al mi­nimo la sollecitazione delle articolazioni. 

Cos’è il Core Control?

“Core Control”, che letteralmente significa “sede della forza”, dal punto di vista biomeccanico corrisponde al punto di equilibrio, ossia al baricentro, considerato il centro di forza e di controllo del corpo. Anatomicamente, il baricentro è situato circa 7 cm al di sotto dell’ombelico e circa 7 cm in profondità.

Quello del baricentro è un concetto di difficile comprensione, soprattutto all’inizio dell’allenamento, nel qual caso può essere utile adoperare la metafora del burattino: «Immaginate di essere un burattino e che tutti i fili che comandano i vostri movimenti partano e si diramino dal centro di esso; immaginate il baricentro come una sfera d’energia della grandezza di 2 cm di diametro posizionata circa quattro dita al di sotto dell’ombelico e quattro dita in profondità». 

Paradossalmente, quindi, se nel corso di un esercizio si va ad effettuare un movimento con la gamba, questa si muoverà per mezzo di una contrazione addominale e non per mezzo di una contrazione dovuta ai muscoli della gamba stessa;

La gamba verrà percepita come “leggera” e al contrario l’addome, da cui partirà il movimento, si troverà in una condizione di massima contrazione. Questo non significa che l’azione dinamica della flessione della gamba scaturisca dalla contrazione dell’addome, ma che, se non si attivassero prima i muscoli del Core, la gamba verrebbe percepita come molto pesante. 

Qualsiasi movimento parte dall’addome, poiché il segreto dell’esecuzione corretta dell’esercizio sta nella contrazione addominale. 

Dunque, è grazie all’attivazione del Core che si riescono a muovere i vari segmenti corporei.

Revoring attiva il Core in modo continuo e duraturo

Nella maggior parte degli esercizi con Revoring, avendo una linea di tensione che passa dal punto del corpo al punto di ancoraggio, abbiamo la necessità di un’at­tivazione continua e duratura dei mu­scoli del Core, in particolare del muscolo trasverso dell’addome, degli obliqui, dei paravertebrali e del pavimento pelvico. 

A seconda della posizione del corpo rispet­to al punto di ancoraggio (Front, Back, La­teral) si attivano di più i muscoli del Core opposti a tale punto. 

Per esempio:

  • In una posizione Front (figura A) vi è una mag­giore attivazione dei muscoli posteriori;
  • In una posizione Back (figura B) si attivano di più quelli anteriori; 
  • In una posizione La­teral (figura C) si attivano di più quelli laterali e obliqui.

Questa attivazione conti­nua porta a un aumento, di base, del tono muscolare del Core, con benefici per chi soffre di problemi di addome prominente e per la prevenzione di tanti disturbi che possono interessare la colonna vertebrale.

Figura A


Figura B

Figura C