articoli in carrello: (0)
Totale: 0 € 0 €

Dieta Atkins e Digiuno intermittente

Dieta Atkins e Digiuno intermittente

Aspetti positivi e negativi di due diete "lampo"

Molte diete definite “lampo” diventano famose per la loro brevità, ma nonostante riescano a far perdere peso in fretta sono molte le persone che col tempo ingrassano più di prima. La ciclicità del peso e l’effetto yo-yo sul corpo si sono dimostrati deleteri per la salute.

Molte diete si basano effettivamente su principi nutritivi solidi, anche se vengono poi abbellite attraverso degli stratagemmi o pubblicizzate dalle celebrità per attirare il pubblico. È proprio questo stratagemma che inizialmente attirerà le persone, ma ironicamente sarà anche il motivo dell’abbandono, per mancanza di tempo o di volontà di contare le calorie, di ridurre determinati cibi o privarsi di una particolare categoria alimentare.

Due tecniche popolari sono la dieta Atkins e il digiuno intermittente.


LA DIETA ATKINS

Il principio è molto semplice: si tratta di una dieta a basso apporto di carboidrati e ad alto contenuto proteico. Limitando i carboidrati, il corpo prende l’energia necessaria per il suo funzionamento dai grassi.

Benefici:

  • Riduzione dell’apporto calorico.
  • Meno zuccheri, alcol e cibi confezionati consumati.

  • Aspetti negativi:

  • Un apporto elevato di grassi continua a essere sconsigliato dalle istituzioni.
  • Diete ad alto contenuto proteico possono causare problemi ai reni e alle ossa.
  • Si può verificare un abbassamento dei livellidi vitamine, minerali e antiossidanti tra coloro che non mangiano abbastanza verdure per sostituire il consumo ridotto di frutta.
  • La mancanza di fibre può causare problemi di costipazione.
  • La chetosi può determinare giramenti di testa e alito cattivo.
  • Si tratta di una dieta difficile da seguire per i vegetariani.

  • DIGIUNO INTERMITTENTE

    Ci sono opinioni contrastanti riguardo a questo metodo che prevede l’alternanza di periodi di alimentazione regolare a giornate con un apporto calorico molto basso. Si tratta di un sistema 5 a 2 in cui si mangia normalmente per 5 giorni alla settimana, mentre nei restanti 2 l’apporto calorico è ridotto a circa un quarto del normale.

    Benefici:

  • La riduzione di calorie comporta la perdita di peso.
  • Con questo approccio non ci sono cibi banditi.
  • Brevi periodi di digiuno possono prevenire un rallentamento del metabolismo, tipico di altre diete a basso apporto calorico.
  • Le giornate di alimentazione regolare costituiscono una tregua dal mettersi costantemente a dieta.

  • Aspetti negativi:

  • Ci vuole molta forza di volontà per riuscire a ridurre drasticamente l’apporto calorico.
  • A causa della fame eccessiva, le persone possono essere tentate dal mangiare molto di più nei giorni normali.
  • Bisogna fare attenzione alla qualità del cibo consumato nei giorni normali.

  • Tratto da "Guida completa alla perdita di peso"


    Ultime dal blog

    Articoli di approfondimento ispirati dalle nostre pubblicazioni. Leggi tutti gli articoli >>
    Alimentazione in palestra: l'acqua e le acque minerali

    Alimentazione in palestra: l'acqua e le acque minerali

    Che differenza c'è, e quali benefici apportano al nostro fisico?

    Allenamento addominali: l'allungamento

    Allenamento addominali: l'allungamento

    Esecuzione e note per il corretto svolgimento dell'esercizio

    Alimentazione in palestra

    Alimentazione in palestra

    Breve guida ai tipi di alimenti presenti sul mercato

    Esercizi di Stretching livello base

    Esercizi di Stretching livello base

    Preparazione, schemi illustrati e consigli pratici