Easydive
(0)
articoli in carrello: (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 € 0 € 0 articoli nel tuo carrello

ESERCIZI DI NUOTO: IL MULINO A VENTO

ESERCIZI DI NUOTO: IL MULINO A VENTO

In questo articolo tratto da Il grande libro degli esercizi di nuoto di Ruben Guzman, viene presentato un esercizio molto utile per migliorare la posizione delle braccia durante la bracciata dello stile libero.




Scopo

Migliorare lo stile libero mantenendo le braccia dritte. I velocisti come il campione olimpico statunitense Nathan Adrian tengono le braccia dritte durante una gara sprint.

Questo esercizio vi aiuterà a tenere le braccia dritte, cosa che molti nuo­tatori non fanno.

Esecuzione

L’esercizio è molto simile allo Stile libero continuo a due braccia, ma prevede il mantenimento delle braccia dritte, soprattutto al livello del gomito, durante tutta la durata dell’esercizio.


1. Indossate le pinne e iniziate a dare gambate dalla posizione idrodinamica a un braccio (a).
2. Con un movimento continuo e fluido, invertite simultaneamente la posizione delle braccia (b). Mantenete le braccia distese per tutta la trazione fino alla fase di recupero (c). Assicuratevi di raggiungere la piena estensione e di portare a termine ogni trazione.
3. Ripetete più volte la sequenza.
4. Eseguite l’esercizio senza respirare (la respirazione ferma il movimento circo­lare del braccio e rallenta la frequenza di bracciata) e per brevi distanze (non più di circa 25 metri alla volta).

Punti chiave

- Ruotate di meno rispetto a come fareste di solito.
- Quando iniziate la bracciata mantenete le anche alte. Tenete le braccia dritte durante tutta la durata dell’esercizio.
- Le bracciate devono essere un po’ più veloci del solito.
- Raggiungete l’estensione massima durante le bracciate, il più avanti e il più indietro possibile.
- Date gambate rapide e potenti.

Consiglio

Variante: per brevi distanze (circa 15 metri), ruotate le braccia il più velo­cemente possibile senza preoccuparvi della tecnica. Concentratevi sul mo­vimento veloce delle braccia. Questo esercizio viene chiamato la Trottola.