Easydive
(0)
articoli in carrello: (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 € 0 € 0 articoli nel tuo carrello

Intervista all'autore Massimiliano Gollin

Intervista all'autore Massimiliano Gollin


Professore, è appena uscito Allenare le capacità motorie residue, un libro unico per il settore delle Scienze Motorie e in special modo per l’attività fisica adattata per le popolazioni speciali. Ci spiega brevemente in cosa consistono le capacità motorie residue?

Questo argomento è molto importante per la comunità professionale e per tutti i pazienti a cui si rivolge. In questo libro ho voluto riportare le differenti capacità motorie allenabili: la forza, la resistenza, la flessibilità. Le capacità motorie sono tutti quei movimenti che possiamo eseguire e misurare con adeguati strumenti, e vederne, tramite l’allenamento, una miglioria. Alcuni dei principali pazienti cui si dirige questo allenamento sono ad esempio i soggetti affetti da una patologia o che hanno subito un trauma acuto al midollo spinale. Viene chiamato “residuo” quel patrimonio di abilità motorie ancora in possesso da parte dell’individuo, da mantenere il più possibile attivo per ritardare l’involuzione del trauma acuto.

Quali sono gli esercizi possibili da eseguire?

Nel libro ho voluto mettere in evidenza una rassegna di esercizi svolti in carrozzina e in posizione eretta da cui prendere spunto in collaborazione con un fisioterapista, per cercare di mantenere attivo il corpo a seconda dei differenti contesti. Principalmente ho scelto esercizi auxotonici di potenziamento muscolare mirati al mantenimento della forza, capacità cruciale per ogni tipo di movimento della vita quotidiana.

Dalla sua esperienza, qual è l’aspetto più importante che fisioterapisti, personal trainer e specialisti del settore devono tenere in considerazione quando lavorano con le popolazioni speciali?

È fondamentale che gli specialisti del settore lavorino in stretta sinergia per la buona riuscita del percorso del paziente. Uno degli aspetti più importanti è la diagnosi, ovvero il primo passaggio. A seconda della diagnosi ci si può orientare e si può modulare un percorso di allenamento e mantenimento che ha l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dell’utente in base alle sue esigenze specifiche. Progressività, lentezza e adattamento graduale sono tasselli fondamentali per l’attività fisica adattata. Inoltre, dal punto di vista dell’utenza è importante consultarsi sempre con il medico. Deve esserci molta fiducia tra specialista e paziente.

Nella sua carriera ha scritto vari libri e articoli scientifici. Cosa l’ha spinta a scrivere un libro di questo tipo?

Oltre a essere specialista della materia sono un ex atleta agonista che ha scoperto di essere affetto da sclerosi multipla di forma degenerativa. Grazie all’allenamento e alla fisioterapia, ho avuto e ho tuttora l’opportunità di ritardare il declino di tutte le capacità del corpo. Con questa doppia “esperienza” sul campo, ho voluto contribuire alla letteratura in materia con un manuale aggiornato che fosse di aiuto per i fisioterapisti e tutti gli specialisti che si trovano a lavorare con pazienti che necessitano dell’attività fisica adattata. Il mio obiettivo era porre in evidenza un argomento sempre più sentito a livello nazionale e internazionale e mi auguro che questo libro possa contribuire a farlo.


BIOGRAFIA

Ricercatore del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche, Massimiliano Gollin è stato dottore di ricerca PhD in Medicina e Terapia Sperimentale e Laureato in Scienze e Tecniche dell'Attività Fisica e Sportiva. Specializzatosi in Kinesiologia Preventiva e Rieducativa, si è laureato in Scienze e Tecniche dello Sport e dell'Allenamento. È stato titolare di diverse cattedre di insegnamento presso la SUISM di Torino, la Scuola dello Sport di Roma e la Scuola Interateneo SIS Piemonte. Ha pubblicato diversi libri e articoli scientifici e divulgativi. Con Elika Editrice ha pubblicato Metodologia della preparazione fisica (2014) e Allenare le capacità motorie residue (2020).

Aggiornamento - 02 ottobre 2020

La casa editrice si stringe alla famiglia e a tutti i collaboratori per la prematura scomparsa del Professor Gollin e lo ricorda con affetto.

ELIKA EDITRICE