articoli in carrello: (0)
Totale: 0 € 0 €

Regole d'oro per migliorare il sonno

Regole d'oro per migliorare il sonno

E' opinione diffusa che per riuscire a dormire siano necessarie...

E' opinione diffusa che per riuscire a dormire siano necessarie alcune semplici condizioni:

  • essere stanchi
  • essere sdraiati
  • essere svegli da circa 16 ore

I detti popolari sono sempre portatori di una parte di verità; tuttavia la diffusione dell'insonnia testimonia che non è così semplice e che bisogna rivedere una serie di regole riconducibili all'igiene del sonno.

Si tratta di consigli, avvertenze, di attenzioni apparentemente semplici o scontati, ma in realtà non sempre facili da seguire o sufficienti per risolvere disturbi complessi del sonno.

Rappresentano però l'ABC da cui partire per una ricerca della cause della propria insonnia. Partiamo dalla sera.

Abitudini serali

L'abitudine di consumare un pasto abbondante nelle ore della tarda serata non favorisce il sonno; gli esperti consigliano una cena leggera a base di proteine, del latte caldo prima di coricarsi...anche un bagno caldo può aiutare a rilassarsi.

La stessa avvertenza vale anche per le bevande; sono da ridurre quelle contenenti caffeina o altre sostanze eccitanti (caffé, the, coca-cola...)

Anche gli alcolici, che pure danno sonnolenza ed aiutano ad addormentarci, non garantiscono un sonno regolare e benefico.

L'esercizio fisico fatto troppo tardi nella sera lascia una condizione di eccitamento; ma se è svolto regolarmente durante la giornata, aiuta il rilassamento muscolare e favorisce il sonno profondo nelle ore notturne.

E' importantissimo imparare a rilassarsi con una tecnica di distensione.

E' bene rispetttare una regolarità nel'orario di coricamento alla notte e di alzata il mattino successivo; questo comportamento abitudinario serve a consolidare il ritmo sonno/veglia personale.

Quante ore dormire e cosa non fare prima di coricarsi?

Ciascuno di noi ha delle esigenze personali riguardo le ore di sonno necessarie; è improprio ritenere che si debbano dormire 8 ore per notte, quando invece verifichiamo che ne occorrono di più o che ne bastano meno.

Non sono solo le condizioni materiali e amientali che limitano la fruizione di un buon sonno.

Spesso ci lamentiamo di non riuscire a "staccare la spina" della mente dai problemi della giornata.

E' buona norma evitare alla sera disussioni animate, riunioni impegnative, ambienti saturi di fumo, poichè tutti questi fattori lasciano un'eccitazione difficile da smaltire in poco tempo; meglio una conversazione calma, l'ascolto di musica rilassante, la lettura di un libro poco impegnativo, un'attività tranquilla per predisporsi a una notte di sonno riposante.

Se proprio tutto questo non è possibile, è utile tenere a disposizione sul comodino un block notes e una matita per scrivere i pensieri che frullano in testa e le cose da fare la mattina successiva.

In definitiva, queste semplici avvertenze ci fanno comprendere che è bene prepararsi alla notte rallentando l'attività e che è meglio accostarsi al momento del sonno con dolcezza, lasciando da parte ogni forma di aggressività.

Il sonno fa parte del nostro benessere psico-fisico e quindi della nostra salute, scopri cos'è l’equilibrio omeostatico.

Aurote: Graziella Dragoni

Ultime dal blog

Articoli di approfondimento ispirati dalle nostre pubblicazioni. Leggi tutti gli articoli >>
Libri alimentazione e benessere: dieta antistress

Libri alimentazione e benessere: dieta antistress

Spunti e idee per la nostra alimentazione quotidiana

Corpo libero e allenamento funzionale

Corpo libero e allenamento funzionale

Storia, tecniche ed esempi pratici