articoli in carrello: (0)
Totale: 0 € 0 €

Corpo libero e allenamento funzionale

Corpo libero e allenamento funzionale

Storia, tecniche ed esempi pratici

Le origini della ginnastica a corpo libero sono molto antiche e variegate, e in questo articolo, tratto da Allenamento Funzionale di Guido Bruscia, vedremo insieme:

  • Storia dell'allenamento a corpo libero;
  • Corpo libero e allenamento funzionale;
  • Tipologie di carico;
  • Regole di allenamento.


Storia dell'allenamento a corpo libero

libri allenamento funzionale

Si trovano riscontri nella cultura cinese, egizia, micenea e altre ancora. Licurgo sosteneva che per avere guerrieri migliori, più adatti alle fatiche della guerra, si doveva partire da madri atlete, forgiate dall’esercizio fisico. Plutarco si esprimeva nello stesso modo descrivendo le usanze degli spartani, famoso popolo di guerrieri. Galeno, uno dei padri della medicina (131-201 d.C), nell’opera De sanitate tuenda scriveva: “… ecco ciò che considero esercizio fisico o ginnastica, termine legato al ginnasio, ove la gente si reca per ungersi, massaggiarsi, impegnarsi nella lotta, nel lancio del disco o in altre attività sportive”. Più di mille anni dopo, Mercuriale, medico e filosofo, consigliava tra le attività che apportavano più benefici il lancio del disco, la salita della fune, la marcia, l’alpinismo e il salto in lungo. Gli sportivi e gli atleti di allora si allenavano in piedi; non esistevano panche e macchine, ma solo pesi più o meno rudimentali, palle mediche, manubri, pietre, trapezi, corde e anelli. Non esistevano basi teoriche dell’allenamento. Un atleta doveva essere forte, veloce e resistente. E diventava tutte queste cose.


Corpo libero e allenamento funzionale

Il corpo è l’attrezzo, punto di partenza e punto di arrivo dell’allenamento funzionale. Come dice Michael Boyle, il padre del Functional Training americano, “Non saremo mai bravi a gestire un peso esterno (bilanciere, manubrio o altro) se non saremo prima bravi a gestire il nostro corpo”. Educare il corpo al movimento, acquisire efficienza e consapevolezza: questo è l’obiettivo.


Tipologie di carico

Quando lavoriamo a corpo libero, le tipologie di carico da utilizzare sono fondamentalmente quattro:

  • Peso del corpo come resistenza;
  • Peso del corpo in caduta come resistenza (salti in basso, salti oltre ostacoli, salti verso l’alto);
  • Sovraccarichi comuni come manubri e bilancieri;
  • Sovraccarichi unconventional: kettlebell, sandbag, medicine ball.

La prima tipologia sarà la nostra priorità: riscoprire il nostro corpo, il primo attrezzo di cui ci dimentichiamo. Come primo approccio all’allenamento, lavorate sulla consapevolezza del corpo e del movimento con esercizi quasi esclusivamente a corpo libero. Chi dice che il lavoro a corpo libero è leggero, semplicemente non lo conosce. I ginnasti lavorano a corpo libero, e il loro fisico e le loro espressioni atletiche sono il risultato più eclatante. Partire subito con uno squat come allenamento per le gambe, senza avere prima testato e allenato le catene cinematiche coinvolte in un esercizio di piegamento gambe a corpo libero, è come costruire una casa senza le fondamenta. Lavorate a corpo libero e allenate a corpo libero: non ve ne pentirete mai.


Regole di allenamento

Prima di iniziare la parte pratica, qualche regola:

Abbigliamento

Usate abiti comodi, che vi lascino liberi nei movimenti senza costrizioni né compressioni eccessive.

Calzature

Nessun tipo di calzatura sportiva ha sviluppato la tecnica quanto le scarpe da running. Logico, no? Dovendo usarle per compiere migliaia di passi, è giocoforza mettere la miglior tecnica al servizio del piede e delle strutture di supporto. Nonostante tutto, soprattutto per gli esercizi meno impegnativi, per lo meno a livello articolare, iniziate a tornare all’antico e allenatevi scalzi. Siamo nati scalzi e ci siamo evoluti da scalzi, non dimentichiamolo. Qualcuno obietta che senza una suola siamo più vulnerabili a eventuali infortuni e traumi articolari. L’obiezione non è corretta. Abbiamo una suola fisiologica, il cuscinetto adiposo calcaneale, che riveste tutta la pianta del piede con uno spessore incrementato sotto il calcagno e le teste metatarsali. Inoltre, la propriocezione – la chiave del movimento intelligente – parte da un lavoro a pianta del piede libera.

Atteggiamento mentale

Allenatevi seriamente. Non è una questione di tempo, gli studi dicono che due allenamenti settimanali danno già dei risultati. Dedicate quei 30-50’ al vostro corpo con intensità, concentrazione e voglia di migliorare. Ricordate che c’è un livello di intensità al di sotto del quale non si verificheranno modificazioni biologiche nei vostri muscoli e sistemi endogeni. Avrete solo perso tempo.

Pratica

La pratica non rende perfetti. La pratica perfetta rende perfetti. Provate ogni esercizio più e più volte, ripetetelo davanti ad altri tecnici, eseguitelo a occhi chiusi (la scuola sovietica propone anche questa soluzione). Dovete sentirlo, l’esercizio deve entrare dentro di voi.

Esecuzione

Sulle esecuzioni non fate prigionieri. Mi spiego. Molte volte vedo in palestra esercizi eseguiti con rimbalzi, colpi di reni e quant’altro per aggiungere a tutti i costi una ripetizione in più. In tutte queste esecuzioni sappiate che state allenando il vostro ego, non i vostri muscoli nè le catene muscolari in maniera appropriata. A cosa serve insegnare una trazione alla sbarra per il gran dorsale se poi si includono nella didattica dell’esercizio anche i colpi di reni per barare?

Esaurimento

Arrivate a esaurimento: il vostro, non quello del partner che vi sta aiutando! Siate obiettivi.

Allenamenti equilibrati

Privilegiate sempre la parte frontale del corpo, soprattutto il tronco e gli arti superiori. In tutta Italia, ogni lunedì, “panca orizzontale”! Non vi sembra ora di cambiare? Pensate che, in generale, le cose che meno vi piace fare in palestra sono quelle che servono di più (vedi squat, affondi walking, addominali).

Diario di allenamento

Tenere un diario di allenamento giornaliero può sembrare maniacale e forse lo è… Però tenete comunque un quaderno dove segnare i vostri obiettivi e i progressi fatti in questa direzione.


Ultime dal blog

Articoli di approfondimento ispirati dalle nostre pubblicazioni. Leggi tutti gli articoli >>
Alimentazione in palestra: l'acqua e le acque minerali

Alimentazione in palestra: l'acqua e le acque minerali

Che differenza c'è, e quali benefici apportano al nostro fisico?

Allenamento addominali: l'allungamento

Allenamento addominali: l'allungamento

Esecuzione e note per il corretto svolgimento dell'esercizio

Alimentazione in palestra

Alimentazione in palestra

Breve guida ai tipi di alimenti presenti sul mercato

Esercizi di Stretching livello base

Esercizi di Stretching livello base

Preparazione, schemi illustrati e consigli pratici